Italia Mascherata

Da bambino gli adulti sembrano più adulti, gli eroi più eroi, la felicità più felicità ed i colori ancora più colorati. Ma se fossi un bambino oggi, non troverei niente di tutto ciò nella patria dei dogi. Camminerei col naso all’insù, cercando di non sbattere in un selfie stick o a non calpestare uno pseudo fotografo, sdraiato nelle posizioni più disparate, intento nell’arduo compito di trovare il miglior scorcio o il miglior particolare per ritrarre le ormai ultime,vere maschere veneziane, aimè contabili sulle dita della mano.

Fiumi di smartphone,  masse di Reflex puntate nel nulla. nella confusione di un carnevale che sta sempre più perdendo la sua identità rimanendo aggrappata ai vecchi fasti mascherando un declino inesorabile.

Torno sul battello fissando un finestrino appannato, bagnato e gocciolante con l’immagine negli occhi di una bellezza forzata, di una festa svanita, dove conta esserci, taggarsi e fotografarsi.

DSC_4668

Questo slideshow richiede JavaScript.

Annunci